Vigile aggredito da automobilista iracondo: 10 giorni di prognosi

0
Vigili Urbani
Vigili Urbani

Appena il vigile urbano ha chiesto i documenti di riconoscimento al ferito, questi gli ha scaraventato lo sportello della vettura addosso, poi lo ha aggredito. Si sono recati entrambi in ospedale

Un banalissimo incidente stradale autonomo si è trasformato in un grave episodio di cronaca nera. Un vigile urbano di Vittoria, G.D.S. è stato aggredito dall’automobilista ferito a seguito dell’impatto contro la carreggiata sulla Vittoria-Scoglitti, all’altezza di contrada Cicchitto, all’incirca verso le 13. C.L., 56 anni, incensurato, una persona conosciuta come calma e irreprensibile che non ha mai fatto parlare di sé, è stato denunciato per aggressione e oltraggio a pubblico ufficiale. In pratica ha prima sbattuto lo sportello della sua utilitaria contro il vigile e poi lo ha aggredito provocandogli traumi ed escoriazioni varie.

Il vigile è stato giudicato guaribile in 10 giorni di prognosi. I rilievi sono stati effettuati dal tenente Fabrizio Piccione. Se l’automobilista non è stato arrestato è perché è stato valutato positivamente il fatto che egli era incensurato.

Secondo quanto riferito dai vigili, per cause che sono in via di accertamento, C. L. è andato a sbattere contro il muro dell’altra parte della carreggiata. La macchina si è messa di traverso provocando un forte rallentamento del traffico. Dopo un po’ di tempo è arrivata la pattuglia dei vigili urbani. Il pubblico ufficiale ha interloquito con calma con l’automobilista che aveva subito una botta alla testa a causa dello scontro, il quale manifestava l’intenzione di farsi trasportare in ospedale per controlli più accurati (è stato poi sottoposto a tac). Ma quando il vigili gli ha chiesto i documenti di riconoscimento prima che egli si recasse in ospedale, è scoppiato il finimondo.

L’automobilista ha reagito di brutto sbattendo violentemente lo sportello della vettura contro il vigile e poi aggredendolo. Una inconsueta reazione che nessuno è riuscito a spiegarsi. «Ho solo chiesto i documenti prima che lo lasciassi andare in ospedale»- ha riferito il vigile aggredito ai suoi colleghi.

Sul posto è intervenuta anche una pattuglia della Polizia di Stato, ma le indagini vengono condotte dal Comando di Polizia municipale.