Uccide moglie a martellate con figli nella stanza accanto, poi prepara il pranzo

0

Ha ucciso la moglie mentre i loro bimbi giocavano in un’altra stanza. Il tribunale ha condannato all’ergastolo il 35enne del Galles Christopher Kerrell, colpevole di aver picchiato la moglie 28enne con un martello per poi soffocarla: poi ha portato il corpo nella fattoria di sua madre e l’ha sepolto in una buca. Prima però si è tranquillamente preparato una tazza di tè e ha fatto da mangiare ai figli.

E c’erano anche i bimbi in macchina, ignari che nel bagagliaio ci fosse il corpo della loro mamma avvolto nelle lenzuola. Quando poi sono scattate le ricerche, Kerrell ha fatto finta di disperarsi e ha tentato in tutti i modi di convincere famiglia e amici che la moglie fosse ancora viva.

Kerrell è stato però incastrato dalle ricerche fatte su internet dal suo cellulare: aveva infatti navigato in rete per cercare se la candeggina eliminasse macchie di sangue. Prima di morire, sua moglie Hollie aveva inviato un messaggio alla sorella: «è andato nel capanno e ha preso un martello». L’ultimo messaggio prima di essere brutalmente uccisa.