Teresa Costanza e Trifone Ragone: confermato l’ergastolo per Giosuè Ruotolo

0

E’ stata confermata dalla Corte d’assise di Appello di Trieste la condanna all’ergastolo inflitta in primo grado a Giosuè Ruotolo, accusato del duplice omicidio della coppia di fidanzati, Teresa Costanza e Trifone Ragone, uccisi a colpi di pistola la sera del 17 marzo 2015 nel parcheggio del palazzetto dello sport di Pordenone. Il verdetto di primo grado era stato emesso della Corte d’assise di Udine l’8 novembre 2017. 

Giosué Ruotolo e Trifone Ragone Teresa Costanza
Giosué Ruotolo e Trifone Ragone Teresa Costanza

“Questa non è giustizia, questa non è giustizia”. Lo ha urlato la madre di Giosuè Ruotolo, subito dopo la lettura della sentenza, lasciando l’aula velocemente. La donna, uscendo dal Tribunale, ha urlato ancora la stessa frase più volte. Con lei c’era anche l’altro figlio, con la fidanzata, che l’ha invitata ripetutamente ad allontanarsi. 

L’omicidio dei fidanzati di Pordenone

Il duplice omicidio di Teresa Costanza e Trifone Ragone è avvenuto nel parcheggio del Palazzetto dello Sport di Pordenone la sera del 17 marzo del 2015. I due fidanzati sono stati raggiunti da diversi colpi di una Beretta 765 alla testa e sono stati trovati morti all’interno della loro auto. L’ipotesi iniziale è stata quella di un omicidio-suicidio, ma gli esami successivi hanno invece ricostruito un’altra verità. Qualche mese dopo il delitto il nome di Giosuè Ruotolo, commilitone di Trifone e suo ex coinquilino, è stato inserito nel registro degli indagati. Poi l’arresto il 7 marzo del 2016.