Suicidio dopo la maxi vincinta al Superenalotto: “I soldi non danno la felicità”

0

«I soldi ti fanno ricco. Il rispetto e l’educazione ti fanno signore».

Così Gigi Podda, 49 anni, diventato ricco dopo una grossa vincita al Superenalotto, ha condiviso questa scritta l’altro ieri, all’una e mezza, su Facebook.

Un messaggio come tanti, che sarebbe potuto passare inosservato, se nel corso della notte l’uomo non avesse deciso di togliersi la vita. Per gli amici quelle parole hanno assunto subito un significato ben preciso, quasi un saluto:

«Ricordatevi che il denaro non fa la felicità. Sono altri i valori che contano».

Secondo le prime ricostruzioni dei carabinieri, coordinati dal capitano Marcello Capodiferro, intervenuti sul posto, l’uomo si sarebbe suicidato o ingoiando una dose eccessiva di medicinali oppure bevendo liquidi velenosi. Sarà l’autopsia a stabilirlo.

Al momento l’unica certezza è che sul corpo non c’è traccia di violenza. La volontà di farla finita è stata lui stesso a scriverla su un biglietto appoggiato sul tavolo della cucina. Un pensiero strettamente personale e familiare.

Questa volta nulla a che vedere con la crisi e la disoccupazione. Anzi, l’esatto contrario: troppi soldi e la ricerca di un qualcosa che la ricchezza non dà.