Scomparsa a 14 anni, ricostruzione polizia: “Uccisa, fatta a pezzi e venduta come Kebab”

0

L’hanno uccisa, fatta a pezzi e venduta come carne di kebab.

Questa l’orribile fine che ha fatto Charlene Downes, sparita nel lontano 2003 nel Lancashire. La ragazzina, all’epoca 14enne, scomparve da casa un giorno di novembre. Secondo gli investigatori finì nella rete di una banda di sfruttatori sessuali che, dopo averla costretta a prostituirsi, si sbarazzò del corpo con estrema ferocia. A distanza di 15 anni la madre Karen Downes ha scoperto l’orrenda verità al processo, ascoltando la ricostruzione della polizia.

“Non ci credevo, sono scappata subito via e poi ho vomitato nel bagno“, ha raccontato la donna al Mirror. Charlene, ha spiegato la mamma, “aveva 14 anni ed era ribelle. Avrei dovuto capire e accorgermi di cosa stava succedendo. So di aver fatto degli errori”, ha ammesso.

Il corpo dell’adolescente non è mai stato ritrovato. La stessa polizia è finita sotto accusa: alcuni agenti sono stati sospettati e uno licenziato per mancanze e ritardi nell’inchiesta. Per questo, dopo due processi e una lunga indagine pasticciata, la mamma spera ancora in un ritorno inaspettato della figlia.

“Continuo stupidamente a sperare nel giorno in cui Charlene si avvicini alla porta, urlando mamma sono a casa”.