Salvatore Parolisi, pena ridotta a 20 anni. Per i giudici delitto “non crudele”

0

La Corte d’Assise d’Appello ha ridotto la pena a Salvatore Parolisi per l’omicidio della moglie Melania Rea, ha ricalcolato la pena dopo che la Cassazione aveva condannato Parolisi a 30 anni di carcere.

Per l’ex caporalmaggiore i giudici della Corte d’Assise d’Appello hanno escluso l’aggravante della crudeltà. Salvatore Parolisi – difeso dagli avvocati Valter Biscotti, Nicodemo Gentile e Titta Madia – è stato accusato di avere ucciso con
35 coltellate la moglie Melania Rea, 28 anni, il pomeriggio del 18 aprile del 2011 in un bosco di Ripe di Civitella (Teramo).

Per i giudici della Cassazione – che avevano rimandato la questione alla Corte d’Assise d’Appello – l’uccisione di Melania Rea è avvenuta “in termini di ‘occasionalità’ (dolo d’impeto, non essendo stata mai ipotizzata la premeditazione) dovuta ad una esplosione di ira ricollegabile ad un litigio tra i due coniugi, le cui ragioni fondanti si apprezzano nella conclamata infedeltà coniugale del Parolisi”.