Morte Mario Biondo: le mosse di Raquel Sanchez Silva dalla Spagna

0

“Ci tengo a comunicare a tutti gli organi d’informazione (stampa,reti sociali,ecc.) che è stato rigettato il ricorso per la richiesta di riapertura del caso in Spagna fatto da noi come famiglia Biondo in data Ottobre 2015. Il procedimento in Italia operato dalla Procura di Palermo è in pieno svolgimento. Non bisogna confondere le azioni portate avanti da noi come famiglia con il lavoro della magistratura italiana,esiste in Italia un fascicolo aperto per omicidio premeditato ancora in corso. Abbiamo scoperto un paio di giorni or sono, che la vedova di mio figlio Raquel Sanchez Silva si è opposta legalmente alla nostra richiesta di apertura del caso in Spagna, non solo non è stata mai dalla nostra parte per sapere la verità ma continua ad ostacolarci con la magistratura spagnola …. è SCANDALOSO, per quale motivo Raquel Sanchez Silva si impegna affinché il caso resti chiuso e che la verità rimanga sepolta insieme a mio figlio?”

Queste le parole di Santina Biondo attraverso il suo profilo Facebook. La mamma di Mario – il cameraman trovato morto nel maggio del 2013 nella sua casa di Madrid –  insieme a suo marito Pippo e ai suoi due figli Emanuela e Andrea, sono ormai tre anni che vanno alla ricerca dell’assassino del povero ragazzo trovato appeso ad una libreria da una sciarpetta.

In Spagna il caso è stato chiuso in modo sbrigativo: Mario Biondo è morto per un suicidio, si è tolto la vita, ma evidentemente non è cosi. Mario non aveva nessun motivo per uccidersi: bel ragazzo, una carriera in forte ascesa e tante persone intorno a lui che lo amavano.

Proprio tutti lo amavano? Forse no, e la famiglia proprio questo vuole dimostrare.

L’indagine va avanti in Italia dunque per scoprire chi ha ucciso il povero Mario.

Santina, Mario e Pippo Biondo

VIA