Moglie accusa marito: “Spogliata per sentire odore dell’amante”. Le affidano il figlio

0

Offese, umiliazioni e minacce dettate dalla gelosia. Una moglie ha denunciato il marito a Giulianova, in provincia di Teramo, accusandolo di averla spogliata per “sentire l’odore dell’amante”. Il giudice ha tolto il figlio all’uomo, 29 anni, e l’ha affidato alla donna. Il marito dovrà affrontare un processo a luglio per maltrattamenti.

Secondo la ricostruzione fornita dalla donna, in più occasioni il marito ossessionato da una gelosia morbosa l’ha umiliata e offesa. Nella querela la donna sostiene di essere stata anche spogliata “per sentire se su di me ci fosse l’odore del maschio”. Dopo la denuncia, l’uomo aveva ricevuto un’ordinanza che gli impediva di avvicinarsi alla donna entro 500 metri dalla sua casa e di contattarla.

La donna dopo la prima querela era stata costretta ad allontanarsi dalla casa coniugale e trovare rifugio in un’altra abitazione, ma i figli erano stati trattenuti dal padre. Il più grande è rimasto con il padre, mentre dopo la seconda querela il più piccolo è stato affidato alla madre. 

I fatti contestati sarebbero avvenuti davanti ai due figli minorenni della coppia, tanto che il giudice ha tolto i figli all’uomo affidandoli alla moglie. Il gup del Tribunale di Teramo ha rinviato il marito a giudizio e il prossimo luglio inizierà il processo per maltrattamenti dopo la deposizione di due querele a suo carico. La moglie ora ha richiesto l’affido di entrambi i figli minori.