Mario Biondo, il video choc che dimostra che fu assassinato

0

Il filmato, pubblicato da un periodico spagnolo, ricostruisce attraverso moderne tecniche elaborate al computer, gli ultimi istanti di vita del giovane. Le immagini mostrano quello che sembra inequivocabilmente essere un delitto.

Nessun dubbio, Mario Biondo è stato brutalmente strangolato e sulla scena del crimine è stato poi simulato un suicidio. E’ la tesi, solidamente sostenuta da molteplici indizi e riscontri oggettivi, sulla quale si articolano le relazioni dei periti della famiglia Biondo e l’istanza presentata al Tribunale di Palermo dagli avvocati di Santina e Pippo Biondo con la quale si chiede che il caso rientri sotto la giurisdizione esclusiva dell’Italia. Uno snodo determinante per questa vicenda, visto che in Spagna le autorità hanno da tempo chiuso le indagini archiviandole come suicidio. Si avvicina, sempre di più, ad una clamorosa svolta il giallo sulla tragica fine di Biondo, che il 22 giugno 2012 alla “Fondazione Mazzullo” di Taormina sposò la showgirl spagnola Raquel Sanchez Silva e fu trovato morto undici mesi dopo in circostanze misteriose (e a dir poco inquietanti), il 30 maggio 2013, a Madrid.

Interrogativi. Nel dossier presentato dalla famiglia Biondo si afferma che “Mario Biondo doveva essere ucciso”, qualcuno cioè – da identificare – ha voluto ed eseguito il piano mortale a danno del ragazzo per metterlo a tacere. Cosa aveva saputo o scoperto Mario? Dietro questo suicidio inscenato dall’assassino (o dagli assassini) c’è forse un segreto inconfessabile di cui Mario era venuto a conoscenza e che doveva essere “silenziato” col sangue di un omicidio camuffato da suicidio? «Sulla scorta di quanto emerso nel corso dell’attività di indagine ad oggi espletata, nell’interesse delle persone offese, e tenuto conto del fatto che il posizionamento del corpo di Mario Biondo, non può considerarsi ascrivibile ad una azione suicidiario, questa difesa chiede espressamente che possano avviarsi attività di indagine nei confronti di tutti coloro che, a vario titolo, possono ritenersi implicati nel ritrovamente del corpo e che hanno intrattenuto con la vittima nelle ultime ore di vita contatti telefonici o personali». Così si legge nell’istanza dei legali della famiglia Biondo, che puntano inequivocabilmente sulla pista dell’omicidio ed escludono in maniera perentoria l’ipotesi del gesto estremo da parte del cameraman palermitano.

La ricostruzione. Il caso sta facendo rumore anche in Spagna, il Paese dove Biondo aveva conosciuto colei che è diventata poi a Taormina la sua sposa, Raquel Sanchez Silva. In terra iberica si sono ostinati per tre anni a credere al suicidio e a niente altro che non fosse il suicidio. Ora però qualcosa si muove e sta cambiando. Anche la stampa spagnola inizia ad interrogarsi e un ampio approfondimento è stato dedicato al caso dal periodico “La Vanguardia”. La testata ha pubblicato un video choc nel quale si ricostruiscono, in modo chiaro e preciso, attraverso moderne tecniche elaborate al computer gli ultimi istanti di vita di Mario Biondo. Il filmato mostra quello che sembra inequivocabilmente essere un delitto. «Las imágenes que recrean por qué Mario Biondo fue asesinado», anche in Spagna si comincia a parlare di un omicidio.

Si trattò di omicidio. I due periti ai quali si è affidata la famiglia Biondo delineano un quadro omicidiario che smonta punto per punto la tesi del suicidio. Il dottor Maurizio Cusimano è un noto esperto di balistica forense e di informatica, incaricato, a febbraio 2016, dalla famiglia Biondo, di esaminare tutto il materiale fotografico raccolto il 30 maggio 2013 e i rapporti delle due autopsie sul corpo di Mario Biondo al fine di effettuare tutta una serie di osservazioni fisiche e meccaniche. Cusumano è riuscito a ricostruire al computer la scena in cui è stato trovato il corpo e verificare eventuali incongruenze con le spiegazioni che la giustizia spagnola ha fornito riguardo il caso.Il dottor Corrado Cugno, specialista in radiologia diagnostica, invece è stato incaricato di esaminare il rapporto della polizia e le conclusioni del medico legale spagnolo allegate alla seconda autopsia, effettuata in Italia dal medico legale Paolo Procaccianti (secondo il quale si sarebbe trattato di suicidio). Cugno ha integrato il suo lavoro con i rapporti medico-legali dei dott. Livio Milone e Giuseppe Iuvara, medici entrambi, i quali hanno concluso che l’indagine spagnola era stata condotta in modo superficiale e negligente e pertanto, come sempre hanno creduto i Biondo, Mario sarebbe stato ucciso. Inoltre, dopo aver studiato la relazione presentata da Cusimano, lo stesso Cugno vi ha aderito completamente.

Ipotesi. Proprio il dottor Cusimano ha ricostruito al computer la scena in cui è stato trovato il corpo di Mario Biondo, utilizzando il software Matlab, un linguaggio di programmazione ad altissima specializzazione per il quale è possibile analizzare matematicamente le immagini digitali, AutoCAD Civil 3D e 3DS Studio Max, nonché una bibliografia di 27 opere opere a tematica peritale. Mario Biondo potrebbe essere stato strangolato con un cavo elettrico. Sul collo della vittima c’è un doppio solco, che non lascia spazio a differenti interpretazioni medico-legali che non riconducano ad un suicidio. La famiglia Biondo è certa che qualcuno abbia ucciso Mario e questa convinzione incrollabile sta trovando tanti riscontri: troppi per continuare ad immaginare ancora un suicidio. E d’altronde come potrebbe una persona strangolarsi e poi subito dopo impiccarsi alla libreria?

Video choc che dimostra che fu assassinato

VIA