Mamma uccide figlia a colpi d’ascia. Poi confessa: “Era troppo polemica”

0

Mamma uccide la figlia a colpi d’ascia. Poi confessa: “Era troppo polemica”. Tutto è successo in Russia.

Tatiana Degirmendzhy, 49enne di Chaychovsky, non sopportava più la convivenza con la figlia 18enne Yulia che lei definiva “eccessivamente polemica”.

Un rapporto teso da anni quello tra Tatiana e la figlia Yulia. Al termine dell’ultimo litigio Tatiana ha perso la testa, ha aspettato che la figlia si addormentasse e poi la ha uccisa a colpi d’ascia.

La polizia, allertata immediatamente, si è messa subito a caccia di Tatiana, il cui passaporto non era stato trovato in casa, riuscendo ad agguantarla 24 ore dopo mentre stava salendo su un treno in una stazione a una cinquantina di km da casa sua.

Arrestata e interrogata, la donna ha confessato l’omicidio: “Mia figlia era troppo polemica – ha detto ai poliziotti – Se avessi avuto altre sette figlie come lei le avrei uccise tutte una dopo l’altra”.