Francesca Benetti, appello conferma ergastolo per Antonino Bilella

0

Antonino Bilella accusato di aver ucciso la donna di cui si sono perse le tracce dal novembre 2013.

Ha ascoltato in silenzio la conferma della condanna all’ergastolo, così come aveva già fatto quando nello scorso febbraio quando era stato condannato in primo grado. Antonino Bilella, il custode della Villa Adua a Potassa di Gavorrano (Grosseto) anche per la Corte di assise di appello di Firenze ha ucciso Francesca Benetti, l’ex insegnante di Cologno Monzese, della quale non ci sono più notizie dal 4 novembre 2013. Bilella, custode della villa della donna, era accusato di omicidio premeditato, soppressione di cadavere, stalking e violenza sessuale. Il corpo di Fancesca Benetti non si è mai ritrovato. La sua condanna all’ergastolo ora è stata confermata in appello.

“Ora ci dica dove è il corpo di nostra madre” – è stato l’appello dei figli della donna scomparsa diramato tramite l’avvocato di parte civile Alessandro Risaliti – “ora che anche la corte di assise di appello ha confermato la condanna all’ergastolo, vorremmo che Antonino Bilella avesse un momento di resipiscenza”.  Il legale aggiunge: “I figli si sono commossi ascoltando la lettura della sentenza ma il sapere che Bilella è l’assassino è solo la minima consolzione per la morte e la scomparsa della madre di cui non è stato trovato il corpo”.

Bilella invece ha sempre professato la sua innocenza. “Sono innocentissimo davanti a Dio, mi affido a voi che siete persone squisite – aveva dichiarato prima del ritiro in camera di consiglio  nel processo di primo grado di febbraio – Non ho ammazzato nessuno, sono una persona onesta e ho sempre lavorato fin da bambino. Lo giuro davanti a Dio. La donna è sacra e non si tocca”.