Elena Ceste, pg Cassazione: “Michele Buoninconti la uccise per atavico maschilismo”

0

Elena Ceste è stata uccisa “dal più atavico dei sentimenti maschili: una sete di dominio unita ad un malinteso senso dell’onore. Suo marito aveva una chiara e premeditata volontà omicida e una evidente volontà di depistare da se i sospetti e sviare le indagini

Lo ha sottolineato il Pg della Cassazione, Giuseppina Casella, chiedendo la conferma della condanna a 30 anni di reclusione per l’ex vigile del fuoco Michele Buoninconti accusato di aver ucciso la moglie di 37 anni, Elena Ceste, madre dei suoi 4 figli, scomparsa da casa il 24 gennaio 2014 a Costigliole d’Asti.

Il suo cadavere venne ritrovato mesi dopo, il 18 ottobre 2014, durante i lavori di bonifica di un canale di scolo vicino a casa.