Cannibale Dmitry Luchin condannato: “Ha smembrato e divorato il cadavere di una donna”

0

Ha ucciso una donna, probabilmente la sua compagna, ne ha fatto a pezzi il corpo e lo ha arrostito e mangiato, e ne ha bevuto il sangue. Questa l’accusa nei confronti di Dmitry Luchin, russo di 22 anni. Ma in tribunale, a Novgorod, l’uomo si è professato non solo innocente, bensì ha anche rivolto al giudice un appello in forma di poesia definendosi “non un maniaco, un assassino, un cannibale”, ma “uno studente, uno sportivo, un poeta”.

L’uomo è accusato di aver ucciso e mangiato parti del corpo di Olga Budunova, 45 anni. E’ stato condannato a 19 anni di carcere. Nel codice penale russo non esiste il reato di cannibalismo. Secondo gli investigatori Luchin e la compagna stavano bevendo alcolici nella città di Valdai lo scorso 8 marzo (in Russia la Giornata internazionale delle donne è festa nazionale) quando hanno iniziato a discutere. Lui avrebbe accoltellato la donna a morte. Quindi ne avrebbe fatto a pezzi il corpo e ne avrebbe mangiate alcune parti.

Lo scorso mese sempre in Russia, nella città meridionale di Krasnodar, una donna è andata a processo con l’accusa di cannibalismo dopo che la polizia ha trovato a casa sua parti di un corpo smembrato .