Angela Reyes Coello uccisa a Genova, marito: “Ho perso la testa. Aveva un altro”

0

“Aveva una storia con un altro”

Angela Reyes Coello, la badante ecuadoriana di 46 anni trovata morta sabato nella sua casa a Genova Sampierdarena.

Per questo il marito, Javier Napoleon Pareja Gamboa, l’avrebbe uccisa. “Ho perso la testa – ha detto l’uomo durante l’interrogatorio – Abbiamo discusso e io non ho capito più nulla. Ho preso un coltello dalla cucina e l’ho colpita. Poi sono scappato”.

L’operaio, 52 anni, era arrivato in Italia sabato intorno alle 13. Mancava da Genova da otto mesi, quando i litigi con la moglie erano diventati sempre più frequenti. Nonostante la lontananza, marito e moglie erano rimasti in contatto e nell’ultimo mese avevano deciso di tornare insieme. Era stata Angela a organizzare il rientro del marito e si era recata fino a Milano per andarlo a prendere all’aeroporto. Però quel rientro è stato fin da subito problematico.

Rispondendo alle domande del sostituto procuratore Gabriella Marino, dei carabinieri e della polizia l’uomo ha confessato il delitto. “Dopo sono scappato – ha proseguito – ho buttato il coltello da un ponte, ma non ricordo dove. E ho vagato per due giorni, non mi ricordo nulla di dove sono andato, come ci sono arrivato”.

“Sabato sera – ha raccontato ancora – abbiamo cenato, poi abbiamo visto un film. E abbiamo discusso della sua relazione extraconiugale. Non era la prima volta che aveva una relazione con altri. La discussione è degenerata e l’ho uccisa. Ma io l’amavo, l’ho sempre amata nonostante tutto”.

L’uomo è stato individuato in via delle Fabbriche da una volante del reparto prevenzione crimine che lo ha fermato per identificarlo. I poliziotti lo hanno portato in Questura dove Gamboa ha ammesso l’omicidio. A quel punto gli agenti hanno avvisato il magistrato.