Andrea Loris Stival strangolato con una fascetta elettrica

0

E’ stato strangolato con una fascetta elettrica stretta al collo Andrea Loris Stival. Un laccio che ha lasciato un segno là dove è stato stretto, nonché alcuni graffi sul viso.

E’ questo l’ultimo dettaglio che arriva dall’autopsia e ora gli inquirenti dovranno inquadrarlo nelle indagini e nella ricerca del colpevole: c’è quindi un oggetto, se mai dovesse essere trovato, su cui cercare tracce dell’assassino.

La fascetta da elettricista è un oggetto che si può trovare facilmente in una ferramenta, qualcosa che un elettricista o chi lavora nei cantieri usa quotidianamente. E’ in plastica e, una volta bloccata manualmente, non si può più allargare, si può solo stringere, a meno che non la si tagli con una forbice o un coltellino.

Fino a ieri si sapeva solo che Loris era morto strangolato, probabilmente con una mano. Ma solo ora si è arrivati a questo ulteriore dettaglio. Intanto la famiglia di Loris fa muro. Mamma Veronica e papà Davide hanno diffuso un comunicato congiunto in cui esprimono il loro dolore per “le bugie e le voci di cortile”.

Mercoledì infatti i siti e le tv hanno diffuso la notizia che la donna avrebbe mentito sui dettagli della mattina di sabato: dalle telecamere non risulta che abbia accompagnato il figlio Loris a scuola, come lei invece tuttora sostiene.