Alberto Stasi, così gli avvocati vorrebbero riaprire processo

0

Per riaprire il caso Stasi e i suoi avvocati possono aggrapparsi soltanto a un esilissimo filo: la revisione del processo.

“Troppi errori, questa non è giustizia”

Gli avvocati di Alberto Stasi non usano mezzi termini nel criticare la sentenza definitiva che ha condannato il loro assistito a 16 anni di reclusione. Ed in questo contesto, si giocano anche una carta a sorpresa: l’appello alla famiglia di Chiara Poggi. Giuseppe Colli, avvocato del commercialista in carcere a Bollate, afferma: “Alla famiglia Poggi, di cui ho sempre rispettato l’enorme dolore, suggerirei, molto sommessamente, di non accontentarsi di una giustizia qualsiasi”.

La difesa di Stasi, nonostante la definitiva e irrevocabile condanna in Cassazione, non demorde: per loro, giustizia non è stata fatta.Colli continua: “Stasi è stato condannato in base a errori, imprecisioni, illogicità e trascuratezza degli elementi probatori passati addirittura in giudicato. Ho la certezza granitica, assoluta, della estraneità di Alberto Stasi e non basterà quello che scriverà la Suprema Corte nelle motivazioni della sentenza a farmi cambiare idea”.

Per riaprire il caso Stasi e i suoi avvocati possono aggrapparsi soltanto a un esilissimo filo: la revisione del processo. Il legale lascia intendere di considerare la prospettiva: “Abbiamo lavorato e continuiamo a lavorare per cercare la verità. In questo momento non trascuriamo niente. Non ci fermiamo qui”.